Gran Fondo Val di Comino SL2: viaggio alla scoperta della via Romantica della Ciociaria


Articolo completo: http://www.radiocorsaweb.it/gran-fondo-val-di-comi...

Sora (Frosinone) – Tra leggenda (Marco Attilio Regolo politico e militare romano) e cinema (Vittorio De Sica attore, regista e sceneggiatore considerato uno dei padri del Neorealismo) nasce la seconda edizione della Gran Fondo Val di Comino, organizzata dall’associazione Gruppo Sportivo Master Bici Lazio Ecoliri.

La manifestazione che nel 2017 vide al via oltre 400 ciclisti e assegnò il titolo nazionale Granfondo CSAIn, porterà i ciclisti a scoprire la Valle di Comino, territorio che unito al versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, rappresenta uno dei comprensori più affascinati, dal punto di vista naturalistico, dell’Italia centrale.

“Sognando ad occhi aperti – sottolinea Roberto Cancanelli storica figura delle due ruote amatoriali laziali – vogliamo immaginare la Gran Fondo Val di Comino come un film girato da Vittorio De Sica in cui il ciclista si sostituisce all'occhio della telecamera e scopre le bellezze architettoniche, i numerosi e incontaminati spazi dedicati all’outdoor. Mentre i ciclisti, come il console romano ma di origini sorane, Marco Attilio Regolo combattono audacemente a colpi di pedale lungo i due percorsi agonistici della gara, nel pieno rispetto dell’ambiente e dell’avversario. Per questo abbiamo confermato i percorsi della prima edizione – molto apprezzati dai partecipanti – e inserito la partenza alla francese per offrire agli appassionati del ciclismo senza tempo, l’opportunità di scoprire senza l’affanno dell’agonismo la Val di Comino”.

Percorsi. I ciclisti pedaleranno lungo il percorso di 130 chilometri e 2200 metri di dislivello, mentre coloro che opteranno per il percorso corto affronteranno 80 chilometri e 1400 metri di dislivello

Iscrizioni. La quota d’iscrizione è dettagliata nel regolamento della manifestazione, che invitiamo a leggere e scaricare dalla relativa pagina del sito.

“Mi preme ringraziare in anticipo – continua Cancanelli – i main sponsor della manifestazione e tutti coloro che grazie alla loro opera permettono la realizzazione della gara”